Dove arrivano i tuoi regali

Nel 2015 abbiamo aiutato 3,9 milioni di persone e abbiamo potuto garantire a tanti bambini e alle loro famiglie un futuro migliore in vari settori: salute e nutrizione, educazione, protezione, risposta alle emergenze, contrasto alla povertà e sicurezza alimentare. Abbiamo raggiunto questo risultato anche grazie al contributo di coloro che hanno scelto le nostre Bomboniere e i nostri Regali Solidali.

Salute e Nutrizione

Nel mondo ogni giorno muoiono ancora migliaia di bambini prima di aver compiuto 5 anni per cause facilmente prevenibili e curabili come il morbillo, la diarrea o la polmonite. Eppure basterebbero semplici soluzioni a basso costo per impedirlo. Save the Children sviluppa progetti di nutrizione, prevenzione, assistenza materno-infantile e informazione sulla salute per assicurare le cure necessarie alle mamme e ai loro bambini, per combattere la malnutrizione e assistere le donne e i neonati prima, durante e dopo il parto, affinché nessun bambino muoia per cause prevenibili.

Educazione

L’educazione di qualità è al centro della missione di Save the Children che opera per garantire l’istruzione a tutti i bambini senza alcuna discriminazione, a partire dalle bambine, dai minori con disabilità e dai gruppi etnici minoritari.

Ad esempio, in Kosovo Save the Children lavora per assicurare accesso ai servizi per la prima infanzia in 7 municipalità. Nello specifico ha creato centri per l’educazione della prima infanzia, ha fornito materiale educativo agli insegnanti e ha avviato sessioni di sensibilizzazione sull’importanza dell’educazione prescolare negli asili. Ad oggi abbiamo garantito l’accesso ai servizi di educazione per la prima infanzia ad oltre 3.500 bambini e coinvolto circa 170 insegnanti.

Protezione

Sfruttati, reclutati negli eserciti o vittime di tratta, milioni di bambini in tutto il mondo corrono il rischio di subire violenza, a casa, a scuola, nelle comunità o durante le emergenze umanitarie. Save the Children lavora per proteggere i bambini e gli adolescenti da ogni forma di abuso e sfruttamento, offrendo opportunità educative e professionali, supporto psicofisico, protezione e sicurezza.

Ad esempio, in Afghanistan Save the Children lavora nelle province di Balkh e Nangarhar, dove  il lavoro minorile è in crescita a causa della povertà e della disoccupazione, con l’obiettivo di fornire un’alternativa ai minori di strada e dar loro accesso ai servizi di base. Grazie a questo intervento circa 220 giovani e adolescenti hanno iniziato dei corsi di formazione professionale in base ai loro interessi (sartoria, meccanica, idraulica). Inoltre abbiamo avviato delle sessioni di formazione e sensibilizzazione per i genitori sulla disciplina positiva, sulla protezione dei minori e sui loro diritti. In totale abbiamo raggiunto oltre 800 minori di strada e circa 250 adulti. 

 

Risposta alle emergenze

In situazioni di gravi crisi umanitarie causate da conflitti armati e calamità naturali, Save the Children si impegna tempestivamente non solo a far fronte al soddisfacimento dei più urgenti bisogni primari, ma anche a ripristinare, nelle aree colpite, un sistema di vita quanto più possibile normale, garantendo ai bambini la possibilità di tornare a studiare, a giocare e a sentirsi protetti. 

Ad esempio, la popolazione palestinese è continuamente colpita da emergenze: disastri naturali, azioni militari, demolizioni di case e di infrastrutture. In particolare, il 2015 ha visto l’intensificarsi delle violenze nella Striscia di Gaza e in Cisgiordania dove Save the Children è intervenuta a favore delle popolazioni vulnerabili distribuendo kit di beni di prima necessità, ristrutturando una scuola danneggiata dalle inondazioni, fornendo sostegno psicologico ai minori e supportando le famiglie che hanno perso la loro casa a causa delle demolizioni. Ha inoltre distribuito acqua pulita, costruito servizi igienici e organizzato campi scuola per i bambini feriti, traumatizzati dalle violenze o dalla perdita delle loro abitazioni. Grazie a questo intervento abbiamo raggiunto oltre 9.400 bambini e più di 9.600 adulti.

 

Contrasto alla povertà e sicurezza alimentare

Un bambino ha maggiori probabilità di vivere in salute e seguire un percorso educativo quando la sua famiglia ha i mezzi per garantirgli la sicurezza alimentare nel corso del tempo. In diverse aree del mondo molte famiglie hanno ancora bisogno di sostegno ed è per questo che Save the Children implementa progetti di sviluppo, contrasto alla povertà e microcredito, soprattutto a beneficio di giovani e donne, che possano incentivare la crescita delle comunità locali in modo sostenibile e duraturo.

Ad esempio, in Italia Save the Children ha implementato il progetto “Fiocchi in Ospedale” con lo scopo  di migliorare le condizioni dei bambini fin dai primi giorni di vita attraverso una collaborazione con gli ospedali e il territorio e un’azione di sostegno alle mamme in difficoltà.

Sempre al fine di contrastare la povertà minorile e di puntare sulla capacità delle donne di essere risorsa per gli altri, Save the Children ha creato nelle città di Torino, Napoli, Roma e Bari gli “Spazi Mamme”, luoghi di incontro dove le madri possono essere sostenute nel processo di miglioramento della cura dei propri figli.

Diritti e Partecipazione

Ogni attività di Save the Children, dalla risposta alle emergenze ai progetti di accesso all'educazione, si fonda sul principio di tutela e promozione dei diritti dei minori e mira a incentivare la loro piena partecipazione e coinvolgimento. Save the Children sviluppa iniziative specifiche per promuovere questi diritti facendo anche pressione su governi e istituzioni locali in tema di politiche dell'infanzia e dell'adolescenza.

Coloro che hanno scelto le nostre Bomboniere e i nostri Regali Solidali hanno contribuito a realizzare tutto questo. Grazie di cuore!

Mastercard, Paypal, American Express, Visa, Digicert