Dove arrivano i tuoi regali

Come impieghiamo i fondi

Nel 2016 abbiamo lavorato in 52 paesi, Italia compresa, e raggiunto quasi 4,2 milioni di beneficiari, soprattutto bambini, aumentando del 27% i fondi destinati ai progetti rispetto al 2015. Abbiamo potuto garantire a tanti bambini e alle loro famiglie un futuro migliore in vari settori: salute e nutrizione, educazione, protezione, risposta alle emergenze, contrasto alla povertà e sicurezza alimentare. Abbiamo raggiunto questo risultato anche grazie al contributo di coloro che hanno scelto i nostri Regali Solidali!

Contrasto alla povertà 

Abbiamo realizzato interventi di contrasto alla povertà per oltre 74 mila beneficiari, assicurando i mezzi di sostentamento. Ad esempio, in El Salvador abbiamo sviluppato un progetto che si propone di migliorare la nutrizione, le pratiche igieniche e la sicurezza alimentare delle famiglie colpite dal fenomeno di El Nino in modo duraturo, attraverso il potenziamento delle pratiche agricole e, quindi, alleviando la malnutrizione tra i bambini nella zona interessata dal progetto. Forniamo inoltre aiuto alle comunità per sviluppare capacità di risposta in caso di situazioni di emergenza in modo da mitigare i rischi futuri legati alla nutrizione e alla produzione alimentare. 

Salute e Nutrizione

Abbiamo migliorato la salute e la nutrizione di madri, neonati e bambini, raggiungendo 1,8 milioni di beneficiari. Grazie alla campagna Fino all’ultimo bambino, campagna nata per garantire ad ogni bambino cure e assistenza, cibo adeguato e opportunità educative, abbiamo finanziato diversi progetti in Italia e nel mondo. Ad esempio, in Mozambico in molte zone rurali, vi è una mancanza di accesso da parte della popolazione alle strutture sanitarie e, di conseguenza, l’impossibilità di ricevere le cure primarie necessarie per sopravvivere. Attraverso il progetto Mamane IV, Save the Children vuole abbattere le barriere d’accesso agli interventi preventivi e curativi per le donne incinte, le madri e i bambini sotto i cinque anni attraverso la creazione di “brigate mobili”: un gruppo di operatori sanitari che si sposta di comunità in comunità per fornire assistenza medica di base, sensibilizzare le popolazioni sull’importanza delle cure mediche specializzate e informarle sulle corrette pratiche sanitarie da seguire per migliorare le condizioni di salute di madri e bambini.

Protezione

Milioni di bambini in tutto il mondo sono, ancora oggi, vittime di forme di sfruttamento e abuso, quali la tratta, l'abuso sessuale, il lavoro minorile, l'utilizzo come soldato, i maltrattamenti e le punizioni corporali. Nel 2016 abbiamo fornito protezione da ogni forma di abuso e sfruttamento a oltre 400 mila persone, soprattutto bambini e adolescenti, e continuiamo a lavorare per offrire opportunità educative e professionali, supporto psicofisico, protezione e sicurezza. Ad esempio, da luglio 2016 abbiamo attivato la “Helpline Minori Migranti”, un numero verde di consulenza tramite cui i minori non accompagnati possono chiedere informazioni e ricevere risposte adeguate e pertinenti sui propri diritti e sulle proprie opportunità.

Educazione

Abbiamo garantito il diritto all'educazione a più di 1 milione di bambini. Anche in Italia siamo in prima linea per combattere la povertà educativa: l’impossibilità, cioè, per i minori, di apprendere, sperimentare, sviluppare e far fiorire liberamente capacità, talenti e aspirazioni. Sono bambini in difficili condizioni economiche, a volte senza il necessario per vivere e senza servizi adeguati.  Sono nati per questo i nostri Punti Luce, spazi ad alta densità educativa, in quartieri svantaggiati delle città. All’interno di questi spazi i bambini e le famiglie possono usufruire di diverse attività: sostegno allo studio, laboratori artistici e musicali, gioco e attività motorie, promozione della lettura, accesso alle nuove tecnologie, educazione alla genitorialità, consulenze pedagogiche, pediatriche e legali.

Intervento in emergenza

Nel 2016 abbiamo risposto a 82 emergenze in 47 paesi raggiungendo oltre 800 mila persone.Abbiamo risposto a gravi crisi quali il terremoto nel Centro Italia, l’Uragano Matthew che ha colpito Haiti, la siccità nel Corno d’Africa e il susseguirsi dei conflitti armati come ad esempio quello in Siria, in Yemen e in Sud Sudan.
In Italia sono arrivate oltre 181.400 persone via mare, e di fronte al crescente numero di bambini che hanno attraversato il Mediterraneo rischiando la vita – raddoppiati nel 2016 rispetto all’anno precedente – abbiamo lanciato una operazione di Ricerca e Soccorso nel Mediterraneo; grazie alla nostra nave Vos Hestia e un team di esperti a bordo, questo autunno abbiamo iniziato la nostra missione con l’obiettivo di salvare migliaia di vite e portare i migranti al sicuro sulla terra ferma.

Per ogni dettaglio consulta il nostro bilancio.

Coloro che hanno scelto i nostri Regali Solidali hanno contribuito a realizzare tutto questo. Grazie di cuore!

Mastercard, Paypal, American Express, Visa, Digicert