Dove arrivano i tuoi regali

 

I regali della Lista dei Desideri rappresentano interventi che Save the Children realmente utilizza e implementa nei paesi in cui opera. Sono esemplificativi: sono un modo per far capire cosa possiamo fare grazie al tuo aiuto. La tua donazione sostiene i progetti di Save the Children a favore dei bambini nel mondo.

Nel corso del 2014, con i fondi raccolti dalla Lista dei Desideri, abbiamo finanziato progetti focalizzati sulle seguenti aree d'intervento: salute, nutrizione e protezione da abuso e sfruttamento in Mozambico, risposta all’emergenza nei Balcani e in Yemen e tutela dei diritti in Italia.

Inoltre, attraverso il regalo del Sostegno a Distanza, abbiamo potuto finanziare i nostri progetti a favore di migliaia di bambini in Mali, Malawi, Bolivia, Filippine, El Salvador, Egitto, Mozambico, Nepal e Vietnam. Il destinatario di questo regalo riceve la foto, i messaggi e i disegnini del bimbo sostenuto e viene aggiornato sui progressi delle nostre attività.

 

Mozambico - 2014

In Mozambico i minori colpiti dall’HIV sono circa 190.000 e a questi si aggiungono più di 800.000 bambini rimasti orfani a causa del virus. Save the Children ha sviluppato nella provincia di Gaza un progetto che mira ad affrontare il problema dell’AIDS e a migliorare il benessere di orfani e bambini che vivono in contesti di povertà assoluta. Grazie a questo intervento, ad oggi ha raggiunto circa 4.500 persone e più di 6.000 bambini rispondendo alle loro necessità nei settori della salute, della nutrizione, dei bisogni economici e psicosociali.

Save the Children è attiva anche nel nord del Mozambico dove ha avviato un progetto per rafforzare i sistemi di protezione dei minori vittime di violenza e abuso. All’interno dei municipi ha creato gli help desk, “sportelli di aiuto” ai quali i bambini possono rivolgersi in caso di maltrattamento. Lavora coordinandosi con forze dell’ordine, direttori scolastici e assistenti sociali per facilitare l’identificazione della violenza e contrastarla in modo integrato. Save the Children ha anche avviato, con il supporto dei bambini stessi, specifiche formazioni e campagne di sensibilizzazione all’interno delle comunità in cui opera e, ad oggi, grazie a questo intervento, ha raggiunto 500 bambini.

 

Nord-Est dei Balcani - 2014

Il 12 maggio 2014 delle fortissime piogge si sono abbattute in Bosnia-Erzegovina, in Serbia e in Croazia. Sia le aree urbane che rurali di diverse regioni sono state colpite dalle inondazioni e sono rimaste completamente allagate e prive di elettricità.

Save the Children è intervenuta il più rapidamente possibile e, dopo circa 10 giorni dall’inizio delle piogge, è riuscita a evacuare e a soccorrere più di 31.000 persone in Serbia e 40.000 in Bosnia-Erzegovina. Ha distribuito kit igienici e pacchi alimentari con una particolare attenzione al cibo destinato ai bambini. Ha inoltre allestito Spazi a Misura di Bambino dove i minori sono stati coinvolti in attività ludico-ricreative e di sostegno psicosociale, permettendo ai loro genitori di far fronte alle conseguenze delle inondazioni.

 

Yemen - 2014 

Il conflitto che si è verificato in Yemen ha provocato molti morti anche tra la popolazione civile e ha costretto quasi 8.000 persone a lasciare la propria casa. Questa situazione ha avuto una grave ripercussione sul funzionamento dei servizi sociali di base, per questo Save the Children è intervenuta ed è riuscita a soccorrere più di 16.500 bambini.

Con il supporto di un partner locale, ha fornito acqua e kit igienici a 41 scuole e a 12 strutture sanitarie e ha avviato campagne per sensibilizzare sull’uso di corrette pratiche igieniche.

Attraverso la creazione di Spazi a Misura di Bambino ha permesso ai bambini in situazioni di maggiore vulnerabilità di proseguire il percorso scolastico coinvolgendoli in attività didattiche e ludico-ricreative.

 

 

Italia - 2014

Save the Children promuove, insieme a Fondazione con il Sud, la rete “Crescere al Sud”, un’alleanza di oltre 70 organizzazioni impegnate nella promozione e tutela dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza nel Mezzogiorno. Il progetto ha l’obiettivo di coinvolgere i ragazzi che vivono spesso in realtà difficili, prive di servizi per l’infanzia, di spazi per la crescita, di stimoli e opportunità formative, di occasioni per alimentare le loro passioni e i loro sogni. L’alleanza, attraverso la voce dei ragazzi, si propone di sensibilizzare le istituzioni, elaborando proposte concrete per portare un cambiamento reale e migliorativo.

Nel 2014, sono state realizzate 4 video inchieste, con raccolte di testimonianze, foto e scritti, da parte di oltre 120 giovani di Sicilia, Calabria, Puglia e Campania con lo scopo di acquisire opinioni e impressioni direttamente dai ragazzi, dando loro voce direttamente e facilitando l’incontro con le istituzioni politiche. Le inchieste sono state presentate in Senato alla presenza del Presidente Piero Grasso.

.

 

 

Scopri quello che abbiamo realizzato nel 2013

Scopri quello che abbiamo realizzato nel 2012

Scopri quello che abbiamo realizzato nel 2011

Vedi anche i progetti realizzati nel 2010

Vuoi aiutarci a realizzare nuovi progetti?

Scegli i tuoi regali sulla Lista dei Desideri!

Mastercard, Paypal, American Express, Visa, Digicert